.
Annunci online

CULTURA
13 luglio 2016
I bandi di Cosimo III, la Toscana medicea e i vini di qualità
"In Toscana il vino non ha svolto e non svolge solamente un ruolo produttivo e commerciale, ma durante i secoli è stato anche protagonista e stimolo di tante culture: dall'arte alla musica, dalla gastronomia alla letteratura". 
Così Giacomo Tachis, nella sua autobiografia, raccontava l'importanza del vino in Toscana.
Un'importanza che venne riconosciuta con un suggello di valenza storica già nel 1716, coi famosi Bandi del granduca Cosimo III dei Medici, di cui oggi si celebrano i 300 anni. Il primo, quello del 18 luglio, "sopra il commercio del vino", l'altro, del 24 settembre, "sopra la dichiarazione di confini delle quattro Regioni: Chianti, Pomino, Carmignano e Val d'Arno di Sopra". I due bandi avevano una funzione complementare. Erano infatti solo i vini che provenivano da questi territori quelli autorizzati ad essere commercializzati per la vendita "all'estero". Era il primo importante passo per promuovere una qualità produttiva ed un'adeguata protezione commerciale di quella stessa qualità, contro frodi e sofisticazioni. A tal fine la Congregazione, organismo istituito ad hoc, doveva vigilare affinché i vini "che sono commessi per navigare, siano muniti alla spedizione con la maggior sicurezza per la qualità loro, e tutto per ovviare alle fraudi".
Quei bandi, così importanti, furono figli non solo dell'illuminato volere del granduca, ma di un vero e proprio clima culturale che aveva fatto del vino un bene meritevole di ricevere le più alte attenzioni. Basti pensare al celebre volume di Francesco Redi, "Bacco in Toscana", pubblicato a Firenze nel 1685, che tra eleganze letterarie e dotte speculazioni filosofico-scientifiche, faceva del vino molto più che una semplice bevanda. E del resto il Redi, come molti altri a lui coevi, era allievo del grande Galileo Galilei, che al vino dedicò studi ed attenzioni che lo stesso Tachis, parecchi secoli dopo, teneva bene a mente.
Oggi celebrare i 300 anni di quei bandi non è solo giusto, ma lo si può fare anche con un pizzico d'orgoglio patrio. Specie considerando che gli ungheresi rivendicano, giustamente, che la classificazione dei loro terreni più vocati per la coltivazione della vite arrivò ben prima della celebre classificazione dei cru del Medoc e Sauternes-Barsac. Quest'ultima, infatti, avvenne come noto nel 1855. Quella dei vigneti di Tokaj-Hegyaljia è invece del 1772. Entrambe successive ai bandi di Cosimo III dei Medici.
Si può dunque legittimamente affermare che le prime norme per una produzione di qualità del vino sono nate in Italia. E più precisamente in Toscana. Un'eredità a cui cercare ancora oggi di essere all'altezza

danza
20 giugno 2016
Toscana Pride
Pensateci un attimo.
Il Pride è una festa con cui persone che vengono discriminate chiedono di non esserlo più. Cioè questi vengono discriminati e invece di fare casino e spaccare tutto, cosa fanno? Organizzano una festa per le strade delle città.
E nemmeno fanno manifestazioni con slogan truci o inneggianti alla violenza. Ballano. Si divertono e fanno divertire.
In vita mia ho visto manifestazioni fatte a cazzo, ho visto manifestazioni fatte per difendere i privilegi di pochi spacciati per diritti, ho visto manifestazioni brutte, manifestazioni con slogan stupidi, manifestazioni pretesto per violenze, manifestazioni tristi, grigie, lugubri, stronze.
Oggi ho visto una festa di musica, balli, gioco, voglia di divertirsi, eccentricità e semplicissimo sorridere.
In una città dove non più di qualche anno fa, un ragazzo è stato pestato a sangue all'uscita di un locale, perché gay.
E fate un po' come vi pare, ma io quando sento o leggo quelle inutili lagne per il fatto che i Pride son manifestazioni "folcloristiche". O quando leggo quelli che dovrebbero insegnare ai gay come fare i bravi gay (avete presente quelli cresciuti con quella cultura democrista dove c'era sempre spazio per il gay, purché fosse il gay di regime? Che il gay di regime può andare anche in prima serata su Rai1 tanto è una macchietta - quella sì - folcloristica)?
Ecco io quando leggo certe cose vorrei che chi le scrive ci capitasse ad un Pride come quello di oggi. 
Per provare. Per vedere l'effetto che fa. Che magari è buono. Liberatorio. 
Grazie.
Ciao.


politica interna
16 giugno 2016
Sesto Fiorentino ombelico di Firenze
Un tempo a Firenze s'era l'ombelico d'Italia.
Ad un rutto di Renzi accorrevano giornalisti da tutta Italia per saggiarne i sentori.
Oggi siamo tanto immiseriti da star dietro alle vicende di Sesto Fiorentino.
Sconforto, desolazione, ma una nota di informazione andrà pur considerata.
A Sesto Fiorentino ha sempre governato il PCI. Come nel resto dei comuni intorno a Firenze che sono detti la "piana fiorentina".

La pratica amministrativa del PCI è andata nei decenni consolidandosi come una gestione clanica del territorio e delle risorse pubbliche.
Le concessioni edilizie venivano rilasciate per fare cassa con una disinvoltura che ha disegnato quel territorio come un'affascinante sequenza di: casa, casa, capannone, campo coltivato, edificio pubblico, campo incolto, casa, casa, capannone, industria, campo coltivato, esercizio pubblico, capannone, capannone, discarica abusiva, casa e così via senza soluzione di continuità.
Nonostante tutto questo i sestesi e gli abitanti della Piana hanno continuato a votare il PCI con percentuali che almeno in Bulgaria potevano giustificare con la repressione del regime.
I dirigenti del PCI ricambiavano costruendo su quel consenso una carriera che prevedeva dopo il Comune (consigliere, poi magari sindaco o assessore) un passaggio intermedio in Provincia o Regione, ma soprattutto - per i più alfabetizzati ed in grado di mangiare almeno con le mani - la destinazione Roma in qualità di onorevole o senatore della Repubblica.
Per agevolare questo tipo di carriera era gradito l'accondiscendere alle richieste fiorentine, laddove stavano quelli che potevano aprire le porte del sogno romano, e quindi accettare che la piana divenisse lo sgabuzzino di tutto quello di cui Firenze aveva urbanisticamente bisogno, ma non sapeva dove mettere.
Questo è.
E questo è bene che si sappia.

Oggi, l'ultima generazione di quella genia di amministratori che in nome di questo tipo di gestione ha costruito la propria carriera, s'è vista interrompere il sogno dal precipitare di eventi che hanno trovato nell'ascesa di Renzi il loro compimento.
C'erano, a Sesto e nei dintorni, dirigenti e amministratori con l'ambizione - neanche troppo inconfessata - d'andare a Roma o almeno in Regione. E invece nulla.
Ecco quindi che coloro che in nome di quell'antica abitudine pattizia ("voi fate nella piana quel che vi serve, noi in cambio facciamo carriera grazie al partito") avevano accettato che qualunque opera insistesse sul proprio territorio, rinnegano oggi quanto avevano dato per buono un tempo.
Il termovalorizzatore a Sesto Fiorentino.
Sarebbe andato bene e benissimo se il cursus honorum di qualcuno avesse potuto compiersi come da attese.

Ma è arrivato Renzi con la sua rottamazione e quel cursus si è interrotto.
Ed ecco che il termovalorizzatore ha iniziato a non andare più bene a chi lo aveva prima sostenuto.
Ma tanto a quel punto la rottamazione aveva portato al governo locale un'ambiziosa sostenitrice di Renzi e quindi la cosa avrebbe potuto risolversi comunque. La sostenitrice era tanto ambiziosa però, quanto poco all'altezza. E con la sufficienza che spesso s'accompagna alla boria (dalla quale molti renziani son tutt'altro che immuni e a cui sovente non mancano d'aggiungere una discreta dose d'ignoranza, quella vera) i renziani hanno perso il Comune, battendo una sonora musata. E creando le premesse per la situazione di oggi.
In cui c'è un giovane esponente della sinistra a sinistra del PD che prima era a favore del termovalorizzatore, perché stava con il sindaco dell'epoca che ancora coltivava le proprie ambizioni di carriera, e che oggi - nove anni dopo - dice che vuole bloccarlo.
In cui il renzismo mostra tutti i limiti di quel che significa avere opinioni forti, ma un pensiero debole (Dio benedica Raffaele La Capria).
In cui un giornale - di cui certo non sono io l'avvocato - che punta i riflettori su questa vicenda viene irriso da alcuni in un modo che dà l'idea di come l'arroganza (e l'ignoranza) non siano patrimonio esclusivo dei renziani.

Alla fine, a me, fotte pure poco di tutta questa storia.
Mi dà solo fastidio il balletto delle ipocrisie.
20 gennaio 2016
Mamme maiale
A me piace giocare al calcio. Molto meno parlarne.
Ma ho alcuni ricordi.
Avevo da poco iniziato la quarta ginnasio. Settembre, partita di pallone fra compagni di classe. Eravamo quasi tutti fiorentini e l'usanza di offenderci fra noi durante la partita non risparmiava i genitori, in particolare le abitudini sessuali delle madri. "Vaffanculo", "pezzo di merda", "accidenti a te e a quella maiala della tu'mamma", giusto per citare i casi più noti.
Tutto questo con grandissima armonia, serenità e reciproco affetto. Finché ad essere coinvolta non fu la madre di un amico - nuovo compagno di classe di quella quarta ginnasio - che veniva dalla Sicilia. Ricordo che non vi fu cattiveria particolare. Fu il più classico dei "c'hai la mamma troia", schizzato come un proiettile vagante e senza particolari intenzioni ostili. Come tutti gli altri casi del resto. A nessuno veniva in mente di immaginare che la madre di qualcuno dei presenti fosse effettivamente una maiala. E poi, anche lo fosse stata, sarebbero comunque stati cavoli suoi e non certo nostri. Tuttavia, lungi dal fottersene beatamente, il nostro nuovo amico reagì come solo un siciliano può reagire ad un affronto a bedda madre e penammo non poco a convincerlo che nessuno voleva offendere lui e la sua famiglia. Fu il primo di una lunga serie d'insegnamenti sulle suscettibilità individuali come portati di culture collettive diverse.
Dopodichè riprendemmo a giocare e ad offenderci le mamme come se nulla fosse. E questo fu il secondo insegnamento. Del resto lui era uno e noi nove. E l'integrazione passa anche attraverso l'accettare usanze e costumi del campo da gioco che si sta calcando.
moda
13 gennaio 2016
Pitti
Ancora una volta, in occasione di Pitti, Firenze viene invasa da uomini portati a spasso dai propri vestiti.
CULTURA
1 dicembre 2015
[Lungarno] Dicembre
E' uscito il nuovo numero di Lungarno e io vi parlo di surf e di come mai, se avete un bel tatuaggio, siete delle vacche.
Tecnicamente parlando.



25 novembre 2015
#heforshe
Mia nonna una domenica di fine anni '30 non volle ballare con un uomo fin troppo insistente. Ragazza fiera e sorretta da gran fisico, lo strattonò ben bene per le spalle prima d'andarsene. In paese fu uno scandalo e una piccola tragedia.
Negli anni '70 quel che più cambiò il volto dell'Italia non fu il delirio della violenza rossa o nera, ma lo scandalo femminista e radicale. Qua a Firenze qualcuno ricorderà l'arresto di 40 donne nel gennaio del 1975 colpevoli di voler abortire senza rischiare la vita dalle mammane. Molti meno ricorderanno il caso, era il 1976, di una ragazzina 15enne stuprata a Catanzaro ed accusata di atti osceni in luogo pubblico. Tutti dovrebbero rammentare che in questo paese il “delitto d'onore” è stato abolito nel 1981.
Di strada ne abbiamo fatta. E ancora ne rimane da fare.
E' bene ricordarsene quando si dice che vanno considerati anche gli usi e i costumi di certe comunità. Magari anche di quelle comunità nelle quali le donne sono asservite, in molti modi, agli uomini.
Mi dispiace, ma ci sono usi e costumi che non possiamo considerare degni d'altro che d'essere abbandonati.
Il siciliano che otteneva lo sconto di pena per l'omicidio della moglie fedifraga faceva appello ad usi e costumi che la legge riconosceva degni di tutela.
Credo si sia tutti d'accordo nel considerare un bene che quel siciliano, i suoi usi e costumi, se li sia cortesemente stroncati in ..... come diciamo noi ad Oxford.
letteratura
25 novembre 2015
Delle pene
Ogni volta che l'argomento "pena di morte" arriva sui media, ecco che i politici toscani scattano come molle a ricordare che: "nel 1786 il Granducato di Toscana fu il primo paese al mondo ad abolire la pena di morte".
E si sentono subito importanti.
Ora. A parte che non è stato merito loro. A parte che il Granducato di Toscana era governato da un austriaco. A parte che quel Granducato non esiste più dal 1860.
Ma la cosa divertente è che non rammentano mai che la pena di morte nel Granducato di Toscana fu sì abolita nel 1786.
Per essere poi prontamente reintrodotta, 4 anni dopo, nel 1790.
Adoro il provincialismo di noi toscani.
moda
2 novembre 2015
La propaganda e il suo rovescio
8 ottobre 2015
Suore
Un celebre professore di architettura a Firenze fu tra le personalità a cui Monicelli si ispirò per il personaggio del Melandri di Amici Miei (e dell'uomo era pure notevole la somiglianza con Gastone Moschin).
Questo professore, peraltro ancora vivo, nutre una superstizione portentosa nei confronti delle suore. Una volta, con Zeffiro, viaggiarono in Austria. Al ritorno stavano per imbarcarsi per tornare in aereo da Vienna a Firenze. Mentre erano in attesa al check in, un nutrito gruppo di suore si accodò loro. L'esimio architetto iniziò a mostrare cenni di nervosismo e a far gesti apotropaici. In altre parole, prese a mostrare deliberatamente le corna alle suore chiamandole "uccelli del malaugurio". Tra l'imbarazzato e il divertito, Zeffiro racconta che lui stesso non si rese conto, sul momento, di quanto serio fosse l'architetto nel considerare quelle donne come delle portatrici di sventura.
Fino a quando comunicò che non avrebbe accettato di prendere un volo in compagnia di quelle "menagrame".
Tornò a Firenze in pullman.
Quando ci raccontava questa storia, io e Sofia, bambini, ridevamo molto. Ma dentro di me si faceva spazio l'idea che se un sì importante professore aveva una tanto radicata convinzione, forse, qualcosa di vero, in fondo in fondo, vi fosse.
Sono cresciuto allontanando quella sciocca superstizione da ogni angolo della mia mente.
Quando stamani ...


18 settembre 2015
[dal Corriere Fiorentino] Trogolema

Sabato, alla festa dell'Unità di Firenze, D'Alema se l'è presa, fra svariati altri s'intende, anche con Angelo Panebianco, colpevole di aver scritto un editoriale in cui individuava nella battaglia sulla riduzione fiscale, l'arena dove si combatte e si combatterà “una battaglia per l'identità della sinistra”.

E dire che proprio la risposta di D'Alema, ad una domanda sulla giustezza o meno di una politica di riduzione delle tasse, è stata dedicata ad inquadrare l'annuncio di Renzi sulla cancellazione della Tasi come una proposta sbagliata, perché non di sinistra. Una questione che ha richiamato esattamente il punto di un'identità politica che non si può tradire. D'Alema ha quindi confermato la bontà dell'analisi di Panebianco nel momento esatto in cui se la prendeva con lui.

Ma al di là di questa involontaria finezza logica, la chiave dell'analisi di D'Alema sulle scelte di riduzione fiscale conferma anche l'altra parte dell'analisi di Panebianco. Ovvero quello di un atteggiamento ideologicamente ostile alla riduzione delle tasse da parte di quella sinistra di cui D'Alema fa parte. E si potrebbe aggiungere anche che si tratta di un'ostilità che è tale non è solo ideologica, ma anche piuttosto rozza e demagogica.

“Perchè se tu metti i soldi in tasca ai ricchi, non è che quelli vanno dal droghiere. Li investiranno, da qualche parte, magari all'ester … non lo so”. Questo è uno dei passaggi meno azzeccati di quella risposta. In cui tuttavia emerge chiaramente che tagliare le tasse non si può perché poi si tagliano anche ai ricchi e questo non è di sinistra. Ora però bisognerà chiarirsi, anche qui, su un punto logico ineludibile. Le tasse se le riduci, le riduci a quella parte di cittadini che le pagano (in Italia non sono moltissimi, ma insomma ancora qualcuno è rimasto). Di solito chi le paga ha un reddito (e anche questo non è banale). E se il suo reddito è alto pagherà più tasse. E se le riduci, potrebbe capitare di ridurle anche a lui. Questo spero lo si possa accettare anche nella sinistra di cui parla D'Alema. Così come s'accetterà di dover dare buono, fino a prova contraria, che anche chi guadagna molto (e in Italia i contribuenti che dichiarano più di 100mila euro di imponibile Irpef sono poco più dell’1 per cento del totale) lo fa in modo legittimo e fa parte anche lui del consesso civile. E magari va pure dal droghiere (anche perché da certi droghieri è bene presentarsi con conti solidi, visti i prezzi).

L'Italia ha un debito pubblico molto alto, un Pil che non cresce, un'evasione fiscale intollerabile quasi quanto la pressione fiscale su coloro che le tasse le pagano. Ma poi si scopre che il problema sono i ricchi che dichiarano il proprio reddito, ma non vanno dal droghiere. Io non lo so se questo è un atteggiamento post-comunista o meno. Ma mi pare piuttosto trogloditico.

dal Corriere Fiorentino di mercoledì 16 settembre

vita familiare
23 luglio 2015
[dal Corriere Fiorentino] Non si può dire, è berlusconiano

“Voglio abbassare le tasse”. Non si può dire, è berlusconiano. “E' ingiusto usare le intercettazioni come arma di diffamazione”. Non si può dire, è berlusconiano. “Alle giuste condizioni, ma i magistrati devono essere responsabili dei propri errori”. Non si può dire, è berlusconiano. “Mi piacciono le belle donne”. Non si può dire, è berlusconiano. Tanto che se uno non lo conoscesse, questo Berlusconi non potrebbe che rimanere subito simpatico.

Siamo alle solite. Il Presidente del Consiglio, stavolta Matteo Renzi, annuncia dalle telecamere della Rai che intende stipulare un patto con gli italiani. E qui varrà forse la pena chiarire che Renzi, in materia, ha già maturato esperienza in proprio. I fiorentini ricorderanno i 100 punti con cui Renzi si candidò alle primarie per il sindaco di Firenze, vincendole. Sicuramente non ricordano quali erano quei 100 punti, né quali siano stati effettivamente realizzati, ma ricordano l'essenza contrattuale di quella proposta. “La vera cifra del renzismo non sta in nessuno di quei 100 punti – scrivemmo all'epoca su queste pagine - ma proprio nel loro essere contratto, la formalizzazione del rapporto diretto fra Renzi e i fiorentini. Forma e al tempo stesso sostanza del populismo civico”.Era un Renzi che già guardava senza imbarazzi a formule vincenti che in Italia, certamente, Berlusconi aveva usato per primo, ma che fuori dall'ombelico peninsulare erano bagaglio di tanti e tantissimi. E non servirà scomodare John Locke per far pure presente che si tratta di ispirazioni venute da lontano.E lo stesso Renzi, già all'epoca, si vantava di aver ridotto le tasse in Provincia, facendo peraltro sorridere coloro che, alla meglio, da quella riduzione avranno risparmiato gli spiccioli per un caffè. Eppure era simbolicamente qualificante far presente che lui non giocava al giochino per cui ridurre le tasse non si può perché è di destra, mentre pagarle, considerandolo bellissimo, è di sinistra.Sono passati svariati anni e molte cose sono cambiate. Quel che non è cambiato è il riflesso manicheo di tanti. Ma non è cambiato nemmeno l'andamento della pressione fiscale: sempre inevitabilmente cresciuta. Per ridurre le tasse servono le coperture, per trovare le coperture servono risparmi, per risparmiare occorre evitare di spendere male i soldi che si chiedono ai cittadini. In certi casi occorre tagliare. Il tutto rispettando i vincoli europei.Non è affare da risolversi per slogan insomma.Ecco, quel Silvio Berlusconi di cui dicevamo sopra, in questa missione non è mai veramente riuscito. E' stato quello il suo limite più grande. A Renzi raccogliere una sfida difficilissima. Dal fronte meno comodo per condurla. Se poi ve n'è uno.

dal Corriere Fiorentino di mercoledì 22 luglio

22 luglio 2015
[A Firenze] C'era una volta il Renzi
Vi fu un tempo in cui a Firenze s'era il bellico del mondo. Erano i tempi del Renzi.
Matteino faceva un rutto ed ecco tre telecamere, un corsivo di Gramellini, un rutto più forte di D'Alema e la Bignardi a sentire se odorava di cipolla.
E noi fiorentini felici ed orgogliosi.
Perchè dopo una vita spesa a specchiarci negli occhi sgranati del solito turista, anche la nostra atavica presunzione ch'egli stesse guardando noi quanto siam belli, invece che il Duomo, iniziava ad incrinarsi. Iniziava ad affiorare il dubbio che forse non s'era poi così belli come c'era sempre stato insegnato a credere.
E invece l'onda renziana aveva rinsaldato la convizione che noi siamo i meglio di tutti. Fiorenza tornava a prendere il posto che le spetta di diritto. Al centro del mondo e in culo a Niuiòrc, Londra e chi cazzo è Parigi che noi di Parigi si conosce solo Narciso.
Oggi invece siam tornati d'improvviso agli anni d'oro in cui non contavamo un cazzo. Matteino nostro è a Roma che stringe patti con gli italiani e noi non ci caca più nessuno. Eppure ci si prova ad attirare un po' d'attenzione. La zingara che caca, il marocchino che piscia, quegli altri che trombano per strada. Ma nulla. Che tanto ormai gli zingari caconi ce l'hanno tutti. Non funzionano più.
Ma la vita va avanti. E per non cadere in depressione noi stessi fingiamo di riappassionarci a quel che speravamo di aver dimenticato. La piana di Firenze covo dei soliti, inossidabili, sempre loro comunisti. Il Gianassi, il Chini, il Chini, il Gianassi, il Gianassi, l'acqua calda, la mi'nonna con le ruote che era un carretto, quella cazzo di mitologia di falci, martelli e due palle così. Suvvia, diciamoci la verità. Se uno è un genio a raccontare quelle storie come Pilade Cantini o, più in piccolo, Roberto Benigni allora sì. Ma riviverle oggi no.
E invece stamani leggo in giro i commenti per il fatto che a Sesto Fiorentino hanno sfiduciato il sindaco. Una notizia che qualche anno fa avremmo conosciuto solo in caso di prolungatissima cacata con annessa lettura di quotidiano locale e che invece viene oggi sobriamente paragonata alla distruzione di Sodoma e Gomorra, gente che invoca la giustizia divina, isteria collettiva, cani e gatti che vivono insieme.
Mi sale la depressione.
Credo che riaprirò la rubrica di zia Tommasa come forma di ribellione nonviolenta.
Andate tutti affanculo.
20 luglio 2015
[dal Corriere Fiorentino] L'importante è stare divisi.

A Sesto Fiorentino ci sono i ribelli. Che a leggerla così, la notizia pare subito ammantarsi di un'aura di fascino proibito. E invece si tratta di otto consiglieri comunali della maggioranza, di sinistra ça va sans dire, che intendono sfiduciare il sindaco, nella persona di Sara Biagiotti, eletto meno di un anno fa col loro sostegno. Motivazione ufficiale “la città è ferma”.
In attesa che Sesto si muova al ritmo del commissario prefettizio, a Milano si dimette il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, che dice addio a Pisapia. “Difficoltà insormontabili” dice lei a pochi mesi dalle elezioni. E dalla capitale morale a quella reale il passo è breve e le dimissioni identiche. A Roma il vice di Ignazio Marino, Luigi Neri, di Sinistra Ecologia e Libertà, si dimette “per amore della città”.
Di capitale in capitale, ad Atene il compagno Tsipras è alle prese non solo con un rimpasto di governo ed una nuova maggioranza a sostenerlo, ma è oggetto di attacchi nient'affatto velati da parte del suo ex ministro Yanis Varoufakis, che sostanzialmente lo accusa di non essere tosto come lui, che ha il giubbino di pelle per andarci in moto e non come Renzi per andarci dalla De Filippi.


Al netto della distanza che passa tra Atene e Sesto Fiorentino, lasciando stare il povero Trotsky e dando per buono che ciascuno dei succitati protagonisti abbia le proprie ottime ragioni per fare ciò che fa; rimane sempre quel dubbio strisciante che, in fondo in fondo, perso per strada l'operaismo, abbandonato Marx, caduto il Muro, l'unico tratto che unifica la sinistra sia la divisione.
Del resto da qualche decennio lo slogan più in voga a sinistra è che qualcos'altro è sempre possibile. Un altro mondo, un altro paese, un'altra città, un altro condominio, un altro bilocale in zona centro. Ma soprattutto un'altra sinistra è sempre possibile. Poco importa che sia anche poco probabile. Poco importa che alla fine, invece della sinistra possibile, si materializzi il grillino inatteso di Livorno o il Toti che governa la Liguria.

Chi rinuncia ai propri sogni rinuncia a vivere, scrivevamo un tempo sui diari di terza media. E a sinistra si continua a sognare. E chissà che alla fine non avesse ragione il Sepulveda che scriveva “Quando vivi intensamente, capisci presto che la cosa più facile, più normale, è il fallimento, ma solo dai fallimenti ricavi una lezione. La nostra generazione è segnata dai fallimenti, eppure si potrebbe dire che proceda di sconfitta in sconfitta fino alla vittoria finale”.
Sepulveda fa il poeta, non il politico. In bocca al lupo per la vittoria finale.

dal Corriere Fiorentino di domenica 19 luglio


SPORT
14 luglio 2015
[Clash of civilization] Potè Salah
Poté Salah quel che non riuscì alla Fallaci.
sfoglia
giugno        agosto

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va non si può fare a meno di incontrare persone intelligenti. E' divenuta una vera peste.
Oscar Wilde

Un grande libro

mailme@: tommasociuffoletti-at-gmail.com




Add to Technorati Favorites

Locations of visitors to this page


San Giovanni delle Contee Online
... un blog bucolico!


Tommaso Ino Ciuffoletti

Crea il tuo badge

Visualizza il profilo di Tommaso Ciuffoletti su LinkedIn