.
Annunci online

fotografia
28 febbraio 2012
[STORIA E FOTOGRAFIA] Un secolo di immagini in edicola con Mondadori


STORIA e FOTOGRAFIA - UN SECOLO DI IMMAGINI

Il primo volume della serie dedicata alla storia del '900 attraverso le immagini più significative del secolo, curata nei testi da me e Lapo Morgantini, è in edicola.
Costa 4 euro e 90 ed è abbinato a tutti i settimanali Mondadori. Se non potete permettervelo significa che state passando davvero un brutto momento.
L'impostazione grafica è molto simile al volume francese e mi piace. Devo dire che mi piace proprio.
In questo volume, che tratta dei primi due decenni del secolo scorso, il testo di presentazione è di Lapo Morgantini, io ho i prossimi due decenni: gli anni dal '21 al '30 e dal '31 al '40.
Non posso taggarla, ma qua dovrebbe starci un ringraziamento a Mila, perchè il merito di questa cosa è tutto suo e anche di più.
politica interna
27 febbraio 2012
[Multe e trasparenza] Firenze tace su come spende i soldi delle multe
I soldi delle multe, secondo il codice della strada, devono essere investiti almeno per il 50% in sicurezza stradale. Non è una bizza, è una legge. Non bastasse c'era un sindaco che qualche tempo fa ci teneva a ribadire che lui "non vuole fare cassa con i soldi delle multe" e caricava anche dei video su YouTube per ribadirlo - http://tinyurl.com/7flb67v

Oggi viene fuori che quello stesso sindaco, quando c'è da dire come spende quei soldi, che la legge e le sue parole vincolano a degli impegni, cosa fa?
Non fornisce i dati - http://tinyurl.com/7lv4yw2

Chi è quel sindaco? Spiace dirlo, ma è il sindaco di Firenze: Matteo Renzi
politica interna
17 febbraio 2012
[Minima immoralia] Renzi, Craxi, Lusi (e volendo pure il rancio di Rutelli)
Sono d'accordo con Matteo Renzi.
E' diseducativo dedicare una via a Bettino Craxi.
Dedichiamola piuttosto ad un vivente.
Che ne so, tipo al suo compagno di corrente e sostenitore:
il compagno Luigi Lusi, tesoriere della Margherita.
CULTURA
16 febbraio 2012
[Status confusionale - da FB] I tatuaggi, il bestiame, le pornostars e Belen
Bisognerà spiegare una cosa truce alle donne. E anche a Belen la cui a-mutanda è la prima cosa che ho trovato oggi su Facebook.
I TATUAGGI IN ZONE CLOU.
Lungi dall'essere eccitanti, nell'era moderna (ma retaggio di epoche passate) quei tatuaggi sono tipici delle attrici porno. Costoro, specie ad inizio carriera, faticano ad essere identificate dai loro potenziali fans. Questo perchè le inquadrature non privilegiano la caratterizzazione degli attori, le scene di gruppo spesso coprono la vista del viso e l'avvento del silicone ha teso a standardizzare i volti delle pornostars.
I tatuaggi, un po' come succede per il bestiame, hanno dunque la funzione di marchiare il capo e renderlo riconoscibile. Di qui l'esigenza di apporlo nelle zone più frequentemente riprese, come l'esterno pube di Belen.
Per cui, se vi piace presentarvi come capi di bestiame allora via libera al tatuaggio. E a quel punto, avere o no le mutande mi pare questione del tutto superficiale.
E ora, quelle fra voi che si riterranno offese provvedano pure ad infamarmi.
13 febbraio 2012
[dal Corriere Fiorentino] Spese, partiti, candidati, primarie ... e i segreti di Pulcinella

Nell'editoriale pubblicato mercoledì scorso sul Corriere Fiorentino, David Allegranti ha indicato uno dei nodi cruciali su cui misurare l'ambizione di Matteo Renzi di essere un «uomo nuovo» sulla scena italiana: il finanziamento della sua politica. Al settimo dei cento punti usciti dalla Leopolda il sindaco scriveva di voler favorire il finanziamento privato dei partiti attraverso «donazioni private in totale trasparenza, tracciabilità e pubblicità». Coraggioso nelle intenzioni, ma poi riservato nei fatti, dato che sui propri finanziatori Renzi mantiene ancora il silenzio per evitare a molti di loro ogni possibile «imbarazzo» (e su questo non c'è da avere alcun dubbio). Ci vorrà ancora tempo prima che una svolta sia generalmente apprezzata e accettata, sia dai beneficiati che dai benefattori.

Per quanto riguarda i politici, il discorso non riguarda solo Renzi, ma anche tanti altri, più o meno giovani e ambiziosi, a partire da quei dirigenti del suo stesso partito che poco avrebbero di che darsi di gomito quando il sindaco viene chiamato in causa su questa questione. Qualcuno ricorda le primarie fiorentine? E qualcuno ricorda il tetto alle spese di 45 mila euro per i candidati? Ebbene quel tetto di spesa era una foglia di fico tanto piccola che il suo rispetto fu presto considerato un optional di cui fare serenamente a meno. Non c'era solo il problema di avere organismi adatti a controllare ed imporre sanzioni, ma vi era un'ipocrisia di fondo che faceva sì che il giocattolo non potesse funzionare. Che il tetto di 45 mila euro fosse già stato sforato dai principali candidati ancor prima che questo venisse imposto lo sapevano tutti. Che nessuno avesse interesse a farlo rilevare altrettanto. Che tutto ciò abbia condotto al finale di una rendicontazione fittizia per rispettare formalmente quel vincolo era inevitabile. In questo modo si è ottenuto il brillante risultato di avere imposto un tetto che nessuno dei principali candidati ha rispettato e una totale assenza di trasparenza sul finanziamento e sulle spese dei candidati.

Si fosse avuto a cuore di lasciare ai candidati libertà di raccolta fondi e libertà di spesa, ma con l'unico obbligo di una rendicontazione puntuale e trasparente sui finanziamenti ricevuti più che sulle spese, forse si sarebbe fatto miglior servizio, in primis ai cittadini elettori. Perché il principio dell'informare per deliberare è uno dei fondamenti di una civiltà democratica e matura. Noi viviamo invece nel Paese in cui non è già la verità ad essere rivoluzionaria, ma la trasparenza.

dal Corriere Fiorentino di venerdì 10 febbraio

musica
13 febbraio 2012
[end plis don forghet to sceik ior ess] Neon Indian - Era Extrana


NEON INDIAN - Era Extraña

Qualcuno si ricorda la teoria secondo cui in Donnie Darko era possibile viaggiare nel tempo? No. Non se la ricorda nessuno perchè era una puttanata fatta di vecchie che aspettavano lettere e ragazze investite su un prato. E a qualcuno glien'è mai fregato una sega di sapere come funzionava il viaggio nel tempo in Donnie Darko? No.
Ecco vale la pena chiedersi come mai Alan Palomo, l'Indiano al Neon, assomigli così tanto a Donnie Darko? Ovviamente no. Vale la pena chiedersi se quest'album sia all'altezza dello scorso capolavoro del nostro (quello Psychic Chasms che ha colorato le nostre estati, obnubilato le nostre menti e rassodato le nostre natiche)? Ovviamente no. Nel senso: ovviamente no, non è all'altezza.
Ma le domande non contano. Le risposte nemmeno. Conta solo essere presi in questo vortice elettrico. E per un attimo ci speri, quando senti partire Polish Girl, una scheggia colorata schizzata via da Psychic Chasms. E ti dici: vabbè, non sarà originalissimo, ma almeno mi sballa abbestia come quell'altro. E invece poi l'album vira sul nuovo. E se noi fossimo gente che si fa domande e si dà risposte ... beh, intanto ci chiameremmo Marzullo e saremmo pagati coi soldi dei contribuenti, e poi ci chiederemmo che roba stiamo ascoltando. Ci chiederemmo quanto ci piaccia davvero questo afflosciarsi pastelloso appena attraversato ancora da brividi elettrici dilatati e ammorbiditi. La risposta probabilmente sarebbe: mica tanto.
Ma noi non siamo gente da domande. E tantomeno da risposte. Noi siamo umorali. E l'umore è buono alla fine dell'ascolto. Ergo vaffanculo Donnie Darko, vaffanculo la vecchia che aspetta le lettera, vaffanculo l'afflosciarsi pastelloso.
Poi però passeremo presto ad ascoltare qualcosa di nuovo.
Stei tiund.

N.B (Nota biografica) - Neon Indian è Alan Palomo, classe 1988, da Monterrey, Messico. Nel 2009 ha dato alle stampe il suo primo lavoro come Neon Indian, Psychic Chasms. Forse l'album più sculettante da quando è stato inventato il sintetizzatore.

RS (Roba Simile): Neon Indian e tutte le filiazioni che s'è tirato dietro il revival Novantottanta psychodancepuppelektro
CDCC (Canzone Da Cui Cominciare)
: Polish Girl e/o Hex Girl
COPERTINA: http://cdn.stereogum.com/files/2011/07/Neon-Indian-Era-Extra%C3%B1a.jpg
CULTURA
7 febbraio 2012
[Status Confusionale] Ottimismi
"Sarà per un'altra vita".

Essere un inguaribile ottimista ha i suoi lati positivi.
E se anche non li ha, a me sembra che ci siano.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ottimismo inguaribile ottimista

permalink | inviato da inoz il 7/2/2012 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
6 febbraio 2012
[Status confusionale] Disimpegno e pettirossi
... in questa fase di disimpegno mi sento di sostenere cause tipo
la salvaguardia dei pettirossi.
Trovo sia moralmente più gratificante che menare il cazzo al prossimo
col socialismo europeo.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. socialismo europeo disimpegno pettirossi

permalink | inviato da inoz il 6/2/2012 alle 16:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
2 febbraio 2012
[dal Corriere Fiorentino] Quando la neve diventa politica e la glaciazione incombe

La neve a Firenze è diventata un fatto politico dopo la nevicata del 17 dicembre 2010. Da fenomeno atmosferico e periodico a cui rispondere con le regole del buonsenso, dell'esperienza e della logica è divenuto rito magico a cui tributare l'omaggio isterico e ipocondriaco che caratterizza la mistica mediatica della politica all'italiana.

Nei giorni scorsi, scorrendo gli aggiornamenti del medium collettivo chiamato Facebook, si potevano visualizzare ansiogene cartine d'Europa coperte da un'enorme macchia dalle sfumature blu, azzurre e violacee che stava ad indicare una prossima glaciazione dell'emisfero nord, accompagnata da didascalie inquietanti del tipo “la più grande ondata di freddo degli ultimi secoli: Firenze è pronta?”. Stando a tali previsioni uno si sarebbe potuto facilmente interrogare sulle possibilità di sopravvivenza della razza umana piuttosto che sulla preparazione della macchina comunale fiorentina.

Per adesso l'umanità pare essersi salvata. Dall'estinzione sicuramente. Dall'isteria un po' meno. Dato che, passata l'angoscia l'umore collettivo assecondato dai media (ed oggi ciascuno di noi è almeno in parte un piccolo medium) si è spostato verso un rancore depresso da avvenimento mancato. “Ma come?!” paiono chiedersi certuni con malcelato disappunto “dov'è il disastro promesso?!”. Del resto il parlare comune ha ormai accettato l'uso di espressioni come “incidente spettacolare” anche per tragedie dove perdono la vita delle persone.

Ed ecco che il Renzi, ormai trasfigurato da sindaco a grande padre con tratti divini, dopo esser stato accusato per la troppa neve a causa dell'impreparazione di fronte alla nevicata del celebre venerdì 17, viene incolpato per la troppa poca, avendo esagerato sul fronte prevenzione. In attesa che i sindaci sviluppino poteri di controllo del tempo atmosferico è da considerare che certamente il 17 dicembre fu imbarazzante. E l'impreparazione di Autostrade, Regione, Provincia e Comune fu pari, ma più colposa, di quella di troppi automobilisti, camionisti e guidatori in genere che dettero il proprio decisivo contributo ad aggravare la situazione. Ma se il buonsenso, l'esperienza e la logica non aiutarono allora, quest'anno, lo sanno bene i gommisti, siamo stati tutti più pronti. Le scuole sono rimaste aperte e Renzi ha avuto ragione. Con buona pace studentesca. Un po' d'ansia di troppo, ma col tempo miglioreranno anche i nervi. Adesso però occorre fare attenzione al gelo, che sa essere meno eclatante, meno spettacolare, ma anche più insidioso della neve. Chissà che col tempo non cresca l'abitudine a farci sempre meno media d'isteria e sempre più attori di una cultura diffusa della prevenzione e protezione civile.

E le polemiche sul sale acquistato, che nel 2010 era poco da non bastare a condir l'insalata e quest'anno era troppo da mandarci rovinati, riportiamole alla loro giusta dimensione. Perché tanto, prima che nelle strade, il sale si sa, serve in zucca.

sfoglia
gennaio        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va non si può fare a meno di incontrare persone intelligenti. E' divenuta una vera peste.
Oscar Wilde

Un grande libro

mailme@: tommasociuffoletti-at-gmail.com




Add to Technorati Favorites

Locations of visitors to this page


San Giovanni delle Contee Online
... un blog bucolico!


Tommaso Ino Ciuffoletti

Crea il tuo badge

Visualizza il profilo di Tommaso Ciuffoletti su LinkedIn